isolata in giappone

questo blog parla dell'altro giappone. non di tokyo ne` di kyoto, ma della vita in una piccola casetta sperduta in mezzo ai monti. vi faremo conoscere l'altra faccia del paese del sol levante!

sabato 12 giugno 2010

Siamo vivi!!!

Grazie a tutti voi che vi siete preoccupati per noi e scusate il lungo silenzio!
Le nostre avventure naturalmente non sono finite, solo che ci manca il tempo di riportarle qui!
Per chi volesse intanto sintonizzarsi su
ci sarà un'intervista dove racconto il nostro Giappone molto particolare. (clicca sopra o qui)
Niente di nuovo, per voi fedeli lettori, ma giusto per fare un po' di pubblicità a a una bella trasmissione!
A presto!

giovedì 26 novembre 2009

Un semplice calcolo

Anche quest'anno Tomohiro partecipa all'avventurosa raccolta dei mikan, i famosi mandarini giapponesi (vedi post di novembre e dicembre 2007), insieme a tantissimi "vecchiacci" a cui mancano pero` i nostri "Autista" e "Vicina pettegola" di due anni fa, licenziati per sopraggiunti limiti di eta`!

Essendo il lavoro strettamente dipendente dal tempo, dal punto di maturazione e dai mandarini che rimangono da prelevare, le telefonate che giungono a casa nostra sono piu` che raddoppiate negli ultimi tempi: "Domani niente lavoro, piove. Dopodomani solo pomeriggio, cosi` la mattina gli alberi si asciugano." . Ormai siamo diventati espertissimi nella consultazione delle previsioni del tempo!
Naturalmente i padroni dei frutteti fanno i loro conti e organizzano il lavoro al meglio, dopo anni di esperienza. "Oggi eravamo 13 per due campi grandissimi. Ieri invece c'erano solo 8 persone".

Eppure sembra che qualcuno non sappia contare.
Dopo la telefonata di ieri Tomo si presenta stamattina, puntuale alle 6 e 30, per andare in macchina con i colleghi fino al frutteto. Oggi ci sono solo 3 signore. Altre due non sono state chiamate. La strada passa inevitabilmente davanti alla casa di una di queste signore e, nel superarla i quattro dall'auto la vedono pronta alla partenza col classico vestito da "raccolta dei mandarini". "Oggi andra` in un altro campo." pensa l'auista ad alta voce.
Immaginate il suo sbigottimento nel vedersela capitare davanti al frutteto, lamentandosi di essersi dovuta far accompagnare da suo marito!!!

Il campo di oggi si poteva raggiungere a piedi: un'occasione imperdibile! Ecco le piu` agguerrite tra le arzille ultrasettantenni che, incuranti della pausa pranzo, si avventano con una mezzora abbondante di anticipo sugli alberi restanti! Gli altri lavoratori, attoniti, dopo un tentativo di protesta e persino qualche insulto, non hanno potuto far altro che unirsi ai lavori, in perfetto stile di armonia giapponese.

Risultato: tra l'infiltrata troppo diligente e le colleghe stakanoviste il lavoro e` stato finito prima del previsto, a meta` pomeriggio, con conseguente riduzione della paga per tutti.
Quando la matematica non e` un'opinione.

martedì 27 ottobre 2009


Chissa` perche` le cimici giapponesi non hanno niente a che vedere con quelle adorabili bestiucce italiane, che io prendevo delicatamente tra le mani e accompagnavo all'uscita, quando per caso si trovavano per sbaglio a casa mia...
Queste parenti orientali sembrano nate apposta per infastidire, molestare, spaventare e perche` no, terrorizzare persino, con la loro presenza inquietante. Infatti le piccoline infestano l'aria con il loro puzzo indiscriminatamente, senza un motivo che potrebbe magari essere che le sto per uccidere... Basta sfiorarle per essere contaminati da un fetore nauseabondo resistente persino all'acqua e sapone!
Sono arrivati i primi freddi e tuttavia Owa, il nostro piccolo villaggio, sembra scosso da una febbre contagiosa: la Caccia alla Cimice! Vi si cimentano naturalmente tutti i pensionati con abbondante tempo libero, sfoggiano doti circensi finora inimmaginate: in bilico su sedie, scavalcano divani si sporgono pericolosamente da finestre del secondo piano, sempre impugnando un immancabile ordegno di tortura, la bottiglietta di plastica da mezzo litro.
Infatti questo recipiente permette di "imbucare" la cimice velocemente e poi richiudere il tappo prima che le esalazioni si espandano intorno.
La Suocerina non puo` essere da meno e si impegna con costanza, cercando in tutti i modi di coinvolgerci nella gara: "Prendi quella lassu`, che non ci arrivo! Dai che il vicino in un giorno ne fa piu` di 5 centimentri!" Strane unita` di misura si sono create come un codice tra iniziati.
In effetti sono stata testimone dell'impegno del famoso "vicino" ottantenne. Piu` che altro informata dal figlio, che lo aiutava nella caccia: "3 centimentri da quando sono tornato a casa dal lavoro!" mi fa orgoglioso (o rassegnato?)
L'unica che non partecipa al concorso sembra sia la nostra solita vicina pettegola. Da giorni vive di speranze, sorride esageratamente e persino il suo aspetto appare migliorato. Infatti ci sono 27 candidati alle elezioni comunali di domenica prossima e tutti passano a turo con le macchine, ricordando il loro nome con gran sbracciarsi in guanti bianchi e saluti sorridenti. La vicina non aveva visto tanta gente simpatica con lei probabilmente dalle elezioni precedenti!

sabato 10 ottobre 2009

Cronaca di un tifone (numero 18)


Mercoledi` 7.

Alle 11 di mattina chiama la vicina di sinistra: sta andando in citta` dal figlio. Pensiamo "Vigliacca", ma e` tutta invidia la nostra, perche` noi non abbiamo nessun posto dove fuggire e non ci resta che aspettare qua...
A mezzanotte, dopo aver fatto i bagagli indispensabili, ci buttiamo un po' sul letto cercando di riposare un po'.
.
Giovedi` 8.
.
Alle 3 ci svegliamo: il vento e` forte, la tv da` il tifone in arrivo proprio e direttamente su di noi.
Alle 3 e 47 va via la luce. Buio pesto. Non ci resta che dormire e sperare.
Alle 7 mi sveglio col rumore di alberi che cadono nel boschetto di fronte: il peggio sembra essere passato, ma la strada e il giardino sono ricoperti di rami e foglie.
Alle 11 facciamo pulizia della strada con i vicini di destra. L'altra vicina ancora non torna e poi scopriamo perche`: tutte e due le strade che portano qui sono bloccate. La luce non c'e` e mangiamo alla stanza del tatami che e` piu` luminosa della nostra cucina-bunker.
Alle 15, quando il sole sta ormai per tramontare, decidiamo di andare a comprare un po' di candele per la serata che non si sa mai...
Facciamo marcia indietro davanti un grosso albero caduto e decidiamo di andare nell'altro verso, dalla vecchia del ponte. Questa ci vende a prezzo stracciato tutto quello che ha: 15 candeline da butsudan (altare buddista).
Alle 16 la Zietta decide improvvisamente di tentare la sorte e di cercare di tornare a casa sfidando gli alberi e i rami caduti sulla strada. La vediamo fuggire ancora in abiti da casa senza nemmeno salutarci (?). Ci richiamera` un'oretta dopo, quando sara` sicura sulla strada verso la citta`.
Alle18 buio pesto. Ceniamo e passiamo una serata alternativa ascoltando la radio a batterie prestataci dai vicini, cambiando caccone al lume di candela e rimendiando qua e la` ai danni provocati dal nostro piccolo Tifone personale: acqua e caffe` rovesciati sul tappeto, riso lanciato sulle pareti...
.
Venerdi` 9.
.
Dell'elettricita` nemmeno l'ombra.
La radio della protezione civile continua a dire di usare poca acqua perche` ci sono problemi all'impianto idrico. Infatti dal rubinetto esce solo un filino d'acqua.
Tra le varie attivita` della giornata: Tomo cerca di fare mosaico nel laboratorio buio, la Suocerina cucina i pesci scongelati prima che vadano a male, io e Elisabetta andiamo a razzolare un po' a casa della vicina di destra, che ci offre candidamente un gelato sciolto...
Alle 15 la Suocerina va a comprare batterie di ricambio per la nostra radio della protezione civile che nel frattempo e` morta. Non esistono piu` batterie in commercio. Al ritorno si rifornisce dalla vecchia di altre 15 candeline da butsudan, che non si sa mai.
Alle 16 facciamo una "doccia" scaldando l'acqua sul fuoco, come ai vecchi tempi!
Alle 17 e 30 con una cena a base di ramen istantanei ci prepariamo a passare un'altra splendida serata quando...
... alle 19 improvvisamente Kiyoko san dice: "Ma che luce di la`!" e finalmente l'incubo finisce!
Ancora adesso ci sono zone che non hanno la luce e alberi messi in orizzontale sui fili dell'elettricita`. Speriamo che riescano a riparare presto la linea.
.
Grazie ancora a tutti quelli che si sono preoccupati per noi!

venerdì 9 ottobre 2009

Tutto a posto - almeno per noi

Grazie a tutti per esservi preoccupati per noi: stiamo tutti bene,grazie a Dio, nessun ferito dalle nostre parti!

E` appena tornata la luce dopo 40 ore di black out.
Niente luce, telefono, riscaldamento, tv, radio, lavatrice, macchinetta del riso ecc. e acqua calda solo in cucina. Oggi usciva poca acqua e i cellulari non prendevano.
Alberi caduti piu` o meno ogni chilometro tranciavano i fili dell'elettricita` qua e la` e i piu` grossi, finiti in mezzo alla strada, rendevano impossibile il passaggio. Ieri entrambe le strade che portano qui sono rimaste bloccate fino al tardo pomeriggio. Tutti i negozi nel raggio di 20 km erano al buio e le batterie erano finite, cosi` come le candele.

Vi raccontero` con calma: adesso vado a stendere la biancheria che aspettava da 2 giorni di essere lavata - come fa Elisabetta con la mano davanti alla bocca e al naso "CHE PUZZA"!!!!

mercoledì 7 ottobre 2009

Testamento da tifone

Cari mamma e papa`, sorelle e fratelli naturali e acquisiti, nipotine, nonni, zii e ziette, parenti tutti, amici vicini e lontani.

- Sta per arrivare il tifone 18, il piu` forte degli ultimi 20 anni. Ci centrera` in pieno alle 9 di domani mattina, ora giapponese. Abbiamo preparato lo zaino con lo stretto indispensabile (i pannolini di Elisabetta) e una borsa da lasciare in macchina con le nostre cose piu` care (i mosaici di Tomohiro). La Suocerina e la Zietta, convenuta per l'occasione, ci deridono, dandoci degli ansiosi paranoici, guardando programmi di intrattenimento alla tv. -

Vi voglio bene. Faro` del mio meglio per salvare le nostre vite e quella della nostra Piccolina.
A presto!!!!!

domenica 27 settembre 2009

On the road ovvero Post per soli stomaci forti

Vi chiedevate dove eravamo finiti?
Vivi o morti o semplicemente dispersi per le montagne giapponesi?
Una risposta certa non so darvela: sempre indaffarati tra mille lavori e commissioni e impegni e chi piu` ne ha piu` ne metta. Quel che e` certo e` che qualunque cosa facciamo, siamo sempre "sulla strada"!
Essendo il nostro domicilio lontano da qualunque posto, volendo fare qualunque cosa non ci resta che pigliare la nostra fantastica Starlet Toyota del '95 e metterci in viaggio con pazienza.
Che a dirla cosi` e` una parola: prima di poter uscire dal nostro scalcinato parcheggio dobbiamo innanzitutto preparare una buona riserva di pannolini e vestitini di ricambio per Elisabetta, poi qualche biscotto o pane per i momenti di sconforto, acqua nella mitica borraccetta rossa e abbastanza giocattolini e libri preferiti per alleviare la noia del viaggio. Bambina ben riposta e allacciata nel suo seggiolino e via - "Ciao nonna!" - si parte!

Le cose si complicano nei momenti di panico da malattia: che fare il venerdi` sera quando scopriamo che Elisabetta ha 39.5 di febbre? Il piu` vicino medico di turno e` a 40 km...
Ve la faccio corta: in 10 giorni, tra malattie presunte, sospette e mal curate, ci siamo sciroppati 700 km di curve e semafori - e chi e` stato qua sa cosa intendo!

Per andare a Messa la domenica sveglia alle 5 e mezza: non si sa mai il traffico che puo` esserci in citta`. Senza contare le innumerevoli pause per l'orario del latte e caccone fuori orario!
E poi, per quanto riguarda il ritorno, se usciamo dalla chiesa alle 11, dopo i primi 20 km ci viene anche un po' di fame - il pranzo al sacco ce lo siamo gia` finito alle 8 e un quarto nel parcheggio parrocchiale... Allora non resta che fermarsi in uno di quei convenientissimi conbini, aperti 24 ore, e acquistare qualche specialita` "fresca di giornata" come salsiccia o ramen istantanei da rinvenire con l'apposita acqua bollente sempre a disposizione dei clienti.
Resta comunque il problema di DOVE mangiare il tutto: naturalmente in macchina!




Una volta abbiamo addirittura provato la pasta con insalata incorporata.




"Siediti Elisabetta! Adesso ti do un po' di pasta Elisabetta! Vuoi un po' d'acqua? No, stai ferma, adesso non puoi giocare col blocco della portiera!!! Ti ho detto dopo! No... stai ferma... no... noooooo!!!!!"
Eccolo la`, savevo mi!



















Oggi ci abbiamo messo 5 ore per tornare a casa in un percorso di poco piu` di 100 km.
Perso il primo incrocio con due delle nostre destinazioni possibili, il resto erano tutti cartelli per posti incredibili che non sapevamo dove fossero e non risultavano nemmeno sulla nostra cartina... Dopo un'ora e mezza siamo tornati a circa 10 km da dove eravamo partiti.
Dalla disperazione non abbiamo potuto fare altro che fermarci a comprare qualche onighiri da mangiare in macchina.

martedì 7 aprile 2009

Capro espiatorio


Da qualche giorno il paese e` in subbuglio: tutti si preparano alla tanto attesa gita sociale, che domani portera` gli ultrasessantenni del villaggio in un' amena localita` a un centinaio di chilometri da qui. Il programma e` a dir poco allettante: dopo una stimolante crociera sul fiume, un pranzo succulento e le immancabili terme, la giornata culminera` con la visita a un famoso tempio.
Il pullman privato fara` un paio di tappe per permettere ad ognuno di salire il piu` vicino possibile al proprio domicilio. E proprio il viaggio di andata e ritorno ha suscitato viva animazione nell'ultimo fine settimana: sembra che nessuno volesse stare seduto vicino alla compaesana piu` pettegola. Il problema pareva risolto dopo lunghe consultazioni e tutte le gentili signore si erano gia` messe d'accordo per sedersi a coppie, in modo da lasciare sola la suddetta, che, caso vuole, salira` per ultima al limite del paese.
Peccato che proprio oggi pomeriggio sia apparsa la vicina in causa, col suo miglior sorriso, a dire in tutta modestia, che il grande onore di prendere il posto per loro due ...spettava proprio alla mia Suocerina!!!
Salvata da improvvisi clienti, mia suocera e` riuscita in qualche modo a mantenere la calma, per poi subito dopo uscire a lamentarsi con la vicina "di sinistra" (non quella "di destra", quella del giardino). La vicina dopo qualche tentativo di consolarla, forse con un vago sentimento personale di sollievo, ha illustrato per filo e per segno i preparativi gia` fatti in vista dell'evento: capi nuovi e carini, ben lavati e stirati, pronti per essere indossati e nel portafoglio lo stretto indispensabile, visto che tutto e` gia` stato pagato, ma senza dimenticare le monetine per pregare al tempio!

giovedì 19 marzo 2009

E` arrivata la primavera!

Da quello che mi ricordo della mia vita da single, uno dei discorsi che si fanno e` sempre quello dell'amica o dell'amico che si` e` sposato e ha avuto figli: "Ma non ha occhi che per suo figlio? Ecco come ci trascura: nasce un bambino e subito gli amici non contano piu` niente..."
Non e` esattamente cosi`, VE LO GIURO!
Elisabetta cresce ogni giorno che passa e naturalmente vogliamo stare il piu` possibile con lei e le vogliamo bene. Ma cio` non significa che abbiamo dimenticato i nostri amici o che non li pensiamo... solo che tra pappine e cacche, cacche e pappine, manca letteralmente il tempo materiale di fare qualunque altra cosa!
Un abbracio a tutti e BUONA PRIMAVERA!


P.S. Il tipo che cercava casa... l'ha trovata! A una decina di minuti da qui, una grande casa a prezzo stracciato. Ben per lui. E in qualche modo anche per noi, visto che hanno cominciato a frequentare il negozio tutta una serie di personaggi che sembrano arrivati direttamente da "Hair"! Ne vedremo delle belle!

domenica 22 febbraio 2009

Cerco casa

E` domenica mattina si e` svegliato gia` il villaggio... (scusa Claudio!)
Alle 10 e 5 arriva il primo avventore della nostra caffetteria ed e` gia` trambusto: vuole vedere il laboratorio! Tomo si precipita di la` mentre io cerco di raccapezzarmi dopo l'ennesima notte insonne. Elisabetta e` sempre carina e tanto brava, ma ha una fame da lupo, che si fa sentire anche piu` volte in piena notte: degna discendente.
Ma torniamo al nostro cliente: e` un giovanotto piuttosto easy e sta cercando qui nei dintorni una casa per trasferirvisi con sua moglie e il suo cagnolino. Vorrebbe del posto per suonare il suo tamburo e per l'attivita` di tintoria della moglie. Inoltre ha intenzione di cimentarsi in orto e risaia.
Mia suocera balza su con tutte le persone che conosce e le case vuote che ha visto ultimamente. Dopo una ventina di minuti di elucubrazioni decidiamo di andare dalla vicina - non quella del giardino, l'altra - per chiedere se sarebbe disposta ad affittare la casa dei suoi genitori, a pochi minuti da noi. La vicina ci accoglie a braccia aperte, come al solito, ma per la casa non c'e` niente da fare: a sua detta non e` decisamente abitabile. Mentre siamo nel suo giardino (tra l'altro decisamente carino!) arriva mia suocera e cerca di convincerla con ogni mezzo a cedere la casa: "Te la restaura lui!" come se lo conoscesse da sempre!
Dopo un po', ecco sopraggiungere il postino domenicale, che come al solito cerca di rifilarci la nuova serie limitata di francobolli delle poste giapponesi. Rifiutiamo con gentilezza e lo coinvolgiamo nelle ricerche: "Lei che sa tutto, non e` che saprebbe dirci se ci sono case vuote nei paraggi?". L'ometto si fa cool accendendosi una sigarettina e poi comincia a sparare un sacco di nomi "Ci sarebbe quella vecchia casetta vicino ai Takeshita... o magari due edifici sotto i Kidokoro..." Nessuno ha idea di quali siano le case a cui si riferisce.
Per ogni buon conto decidiamo di far vedere al cliente la casa del nostro padrone di casa fuggito in citta` lo scorso anno (vedi post del 3 febbraio 2008 "Butsudan ovvero la grande fuga"). Mentre siamo nel giardino della grande casa, abbandonata ormai da piu` di un anno, sopraggiunge il nostro amico poliziotto! Io penso subito che ci abbia preso per dei ladri, invece... non sapeva nemmeno che si fossero trasferiti!!! Ma che razza di poliziotto e`???
In ogni caso, essendo l'uomo assai simpatico, gli presentiamo il cliente e gli esponiamo il problema di trovare una casa vuota. Lui si mette a pensare se magari conosce qualcuno e intanto ne approfitta per farsi una pausa sigaretta!
Morale della favola: il giovanotto sembra interessato alla casa del nostro padrone di casa e pare che lui sia disposto a lasciargliela.
Anche perche`, nonostante tutto il tempo andato in fumo (in tutti i sensi) , nessuno ha saputo indicarci altre case vuote!!!

domenica 25 gennaio 2009

Maneki neko racconta

Ciao ragazzi! Perchè non chiedete a Tomo San di raccontare per filo e per segno come si è svolto il primo giorno dell'anno? Anzi, ve lo racconto io :)
Dunque, al risveglio scopriamo di essere super in ritardo per la visita al tempio, due sono i motivi, le ore tarde della notte precedente e... il ghiaccio su per la salita al tempio: ergo vestiti che è tardi, si va a piedi. Elena + Betta + Kyokosuocera San restano a casetta e Fede, Roby, Alessia e Tomo San scarpinano su per la collina. Fin dai primi metri Fede e Tomo si scoprono a maledire il vizio che li affligge (tabako suimas) mentre skiattano per il fiatone mentre Alessia e Roby, che se la trillano di scialpinismo, sgambettano allegramente su per una salita con pendenza 100%.
Arriviamo (io imploro Kannon dea della misericordia che con una delle sue 100 braccia mi allunghi una maschera ad ossigeno) e troviamo tutti i vecchietti del paese che se la raccontano intorno al falò. Per fortuna sono le 8 in punto e (spero) non abbiamo sfigurato troppo. Il sant'uomo che deve officiare la cerimonia però non arriva mai, soluzione? I giapponesi, popolo pragmatico, risolvono così: uno piglia una frasca e in 30 secondi netti impartisce ai presenti la sua benedizione. Fine. (Mah?)
Mentre i convenuti si accordano per i lavori di manutenzione del tempio arriva con mezzora di ritardo (eresia) il fantomatico prete ancora allegrotto per la serata precedente, tutto spalandrato (sta manica che gli pende fin per terra) con un enorme orologio sotto braccio (ancora oggi non ci credo, un vero fumetto). Nessuno giustamente se lo fila, imbarazzo generale quando gli viene comunicato che... abbiamo già fatto.
Qualcheduno informa che sono avanzate 5 bottiglie di sake, "interessa?" Manco a dirlo, il prete si offre di pigliarne una. Aridaglie, non sei abbastanza ciucco?
Ritornati a casa scopriamo che il prete è passato invitando la famiglia a pranzo e... si è perso sto tocco di legno che è un paramento sacro, in giardino. Non ho parole...

lunedì 5 gennaio 2009

Inizio anno... nuovo!



Sono sempre stupita dalle tante persone che ci seguono a distanza - piu` o meno grande - e ci dimostrano ogni volta tanto affetto. Grazie veramente a tutti!
La nostra avventura on line dura ormai da un anno e mezzo e, come direbbe Tomo, "qui non cambia niente": il fiume continua a scorrere placido, la raccolta dell'immondizia differenziata e` sempre all'alba dell'ultima domenica del mese e vecchiacci ultra 75enni intasano ancora le strade coi loro "K-track", l'"Ape" giapponese.
Certo che, per altri versi, quante cose sono accadute da quando mio marito mi ha proposto di scrivere questo blog per sdrammatizzare cio` che mi stava succedendo: Okinawa san e` tornato a Okinawa per una vacanza e ci e` rimasto, dopo la telefonata di licenziamento; dopo il ritiro improvviso del primo ministro Abe e la comparsa fuggente di Fukuda san ci ritroviamo con Aso detto "il simpaticone"; il lottatore di sumo Ama e` diventato Ozeki e ha cambiato il suo nome in Harumafuji; i miei genitori sono gia` stati due volte a trovarci, seguiti in classifica con una volta da Nona e dai miei cari amici Federico e Alessia con Roberto (vedi anche blog Sklerati in Giappone); abbiamo conosciuto tante persone, aperto nuove strade a Osaka e Kobe dopo aver sperimentato tutti i tipi di lavoro temporaneo che offre la zona e, naturalmente, l'arrivo di Elisabetta, che ci ha cambiato la vita fin dalla sua prima comparsa nella mia pancia (cfr. la drastica riduzione di post al mese!!!).
Sono curiosa di sapere cosa ci prepara il 2009!
Anno nuovo, vita nuova. Ne sono certa.

sabato 27 dicembre 2008

Buone feste e felice 2009!
















La mattina di Natale arriva la vicina proprio mentre stavo dando il latte a Elisabetta. Non potendo muovermi ed essendo gli altri in giro per la casa abbiamo iniziato una conversazione attraverso la finestra chiusa. Ora il mio giapponese non e` che sia proprio cosi` brillante, figuriamoci attraverso vetri chiusi! Ecco un riassunto di cio` che ci siamo dette:


Vicina: Non e` che vorreste dei "cachi"? Me li ha appena mandati un'amica da (non so che rinomata localita`).

Io: Ma, grazie, volentieri! Scusi il disturbo!

Vicina: Li volete cosi` oppure pelati?

Io: Ma no no, non si disturbi!

Vicina: No perche`, se volete, li faccio pelare da mio figlio quando torna a casa...

Io: Ma no, si figuri, andranno benissimo cosi` come sono, grazie!

Vicina: Allora ve li porto tra un po'!

E io giu` a pensare a questi giapponesi fin troppo gentili: non mi sembrava il caso di farsi pelare una montagna di cachi arancioni e duri, cosi` come si mangiano qua, dal figlio 50enne, che si sveglia alle 4 di mattina per andare a lavorare... Avra` ben altro da fare la sera quando torna che pelare i nostri cachi - senza contare che possiamo benissimo pelarceli da soli...

Dopo un quarto d'ora torna la vicina e la sento parlare con Tomo in giardino. Torna mio marito in casa e appoggia sul tavolo un sacchetto pieno di... ostriche (in giapponese "cachi", ma con un accento leggermente diverso dai "cachi" frutta)!!!!

E stasera a cena mia suocera a imprecare cercando un sistema per "pelare" 'ste ostriche corazzate senza rimetterci la mano!

venerdì 14 novembre 2008

Polizia stradale ovvero La voce del padre


Sono il papa' di Elena.

Sono venuto per vedere e "toccare con mano" Elisabetta (i suoi vestiti, i suoi capelli, i pannolini bagnati ed anche quello che certe volte esce dai pannolini).

Ero in macchina con Tomohiro. Stavamo ritornando verso casa dopo aver fatto la spesa (27 chilometri, 17 semafori con i colori messi per orizzontale ed i limiti di velocita' fra i 40 ed i 50 tutti regolarmente rispettati e quindi 45 minuti). In uno dei pochi rettilinei (circa 400 metri), in corrispondenza di uno slargo, ci aspettano una ventina di uomini disposti su due file che con ampi cenni delle braccia e di bastoncini luminosi tipo portaaerei ci fanno fermare in mezzo; sembra di essere ad un pit-stop di una gara di formula 1. C'e' anche l'omino agita una canna di bambu' con in cima una bandierina triangolare con su scritto STOP che ci mostra millimetricamente dove dobbiamo fermarci.
Panico in vettura: rapido controllo del regolare allaccio delle cinture di sicurezza, verifica di avere il passaporto in tasca, Tomohiro che comincia a dire "Non correvo! Che cosa vogliono!".

Ci fermiamo. Apriamo il finestrino e non facciamo in tempo ad abbassarlo tutto che ci infilano una busta formato protocollo con sopra un asciugamanino in misura tipica giapponese. Ci chiedono gentilmente di provare le luci: vedo un omino accovacciato davanti al cofano della macchina che guarda le luci, presumo ce ne sia uno anche dietro ma io non lo vedo, l'omino davanti si alza e dice "Hai!" (si).

Dal finestrino entra una bottiglietta di the verde di quelle che si vendono in tutti i distributori di bibite giapponesi, il poliziotto e tutta la squadra del pit-stop intona il coro "Arigato" (grazie) con inchini a toccare con la fronte le ginocchia, la canna di bambu' con il segnale di STOP si alza e noi ripartiamo ... quasi come Massa o Hamilton, dopo circa 10 secondi.

Non abbiamo capito niente ma tra le mani ci siamo ritrovati una busta con dentro fazzoletti di carta, istruzioni di come tenere i bambini in macchina e pubblicita', un pacchetto con un asciugamanino bianco ed una bottiglia di the verde.

Non abbiamo lasciato il segno delle ruote sull'asfalto, ma siamo scappati via felici dal nostro inatteso pit-stop. Ancora adesso mi chiedo perche' ci hanno fermato e chi ci ha offerto questi gadget.

Paese che vai, polizia che trovi!

mercoledì 5 novembre 2008

La presentazione al tempio




video


Il 3 novembre, festa nazionale anche in Giappone, siamo stati al tempio del villaggio per una festa.Alla fine della cerimonia c'e` stata la presentazione ufficiale di Elisabetta quale nuova abitante del luogo.Il sacerdote ha chiesto 3 volte il suo nome (evidentemente scriverlo in katakana non bastava a convincerlo) e comunque durante la preghiera ha sbagliato balbettando "...ti presentiamo la nuova venuta E-ri-za-be-su ...-tta..."!



Alla fine abbiamo distribuito gli asciugamani di rito che ci eravamo procurati per tempo - vedi foto, scatole quadrate nella prima borsa dal basso. Anche quando ci siamo sposati ne abbiamo spartiti uno per ogni famiglia, come si conviene quando si entra in una nuova realta`.


Stavolta le scatole erano ben impacchettate in una carta carinissima, con un biglietto di presentazione recante la scritta "Piacere, sono Elisabetta." e, colmo dell'eleganza, una piccola foto della bambina. Al negozio di regali hanno superato se stessi!


Le altre scatole che vedete nella foto sono set di cucchiaini da caffe` decorati con dei simpatici gattini, che abbiamo dato a tutti quelli che ci hanno fatto dei regali. Come forse qualcuno gia` sa, in Giappone l'usanza vuole che per ogni regalo ricevuto (soldi o oggetti), se ne debba restituire la meta` del valore, sotto forma di oggetti o generi alimentari (non soldi). Per questo esistono appositi cataloghi pieni zeppi di ogni bendidio, dalle alghe secche ai ferri da stiro. La scelta non e` stata facile!


lunedì 20 ottobre 2008

GRAZIE!

Grazie a tutti per l'affetto che ci dimostrate!!!!

Venerdi` scorso Elisabetta ha compiuto un mese: mangia come un maialino e cresce a vista d'occhio! Ormai ha gia` superato i 4 kg e sembra stia molto molto bene!
A parte i vostri moltissimi messaggi, qui continuano ad arrivare lettere di congratulazioni e pacchetti di regali da tutto il mondo: Italia, Germania, Australia...
E non posso nemmeno descrivere la contentezza dei vicini e della gente del paese: qui non si vedeva un neonato da quasi 10 anni... Elisabetta e` "l'evento del decennio"!!! Ogni giorno continua a farci visita qualcuno, portando qualche regalino - vestitini, asciugamani, pupazzetti - e i piu` entusiasti addirittura con la fatidica busta di soldi, tipica di queste occasioni.
Manca solo che un giorno o l'altro arrivino i Re Magi!!!!

sabato 27 settembre 2008

E` arrivata Elisabetta!

Elisabetta e` nata giovedi` 18 settembre, pesava 3060 g ed era lunga 50 cm.

E` andato tutto bene e siamo tornate a casa dopo una settimana. Da brava bambina ha dormito tutto il tempo dentro la macchina. E si` che il viaggio di ritorno e` durato 2 ore!

A casa ci aspettava la nonna che per l'occasione aveva preparato questo bel fiocco segnaletico in stile italiano. Qui in Giappone non si usa, ma quando abbiamo spiegato ai vicini impazienti che avremmo messo questo segnale fuori dalla porta, si sono tranquillizzati un po' tutti e hanno smesso di chiedere ogni giorno: "E` nato? E` nato?"!!!

Si`, e` nata! Grazie per essere qui con noi, Elisabetta!

domenica 14 settembre 2008

Un bel bambino

Tra un mosaico e l'altro dobbiamo anche occuparci dei nostri amati studenti del Kansai.Il prossimo corso a Osaka prevede la realizzazione di alberelli di Natale e per le cornici ci siamo rivolti al solito amico falegname. Questo tranquillone e` passato ieri per farci vedere 4 campioni che gli avevamo ordinato a fine luglio...
Meno male che sono italiana!
In ogni caso, e` venuto col suo bimbo piu` grande, quattro anni e mezzo e due occhi talmente grandi che sembrano esplodere quasi!
Mia suocera e` andata in brodo di giuggiole quando l'ha visto: "Ma che bel bambino! E guarda che occhioni! Ma non ti hanno mai detto che assomigli a una bambina? Mah, se ti metto la gonna sembri proprio una femminuccia!!!" E giu` di questo passo...
Io mi sentivo sempre piu` a disagio e alla fine sono esplosa: " Ma che impertinente questa nonna!" ho detto pensando di salvare la situazione.

Invece sono stata io l'impertinente: in Giappone e` un complimento dire a qualcuno che il figlio assomiglia a una ragazza. Il contrario e` offensivo. Se per caso si incontra un neonato di cui non si conosce il sesso, e` sempre meglio chiedere: "E` una bambina?" per evitare facce scontente da parte dei genitori.
Perche` questa cultura funziona al contrario a volte????
Ennesima figuraccia che faccio in Giappone...

sabato 30 agosto 2008

Isolati musicali

Ne approfitto per indire un sondaggio tra i lettori: conoscete Amy Winehouse? I risultati ci diranno la nostra percentuale di isolamento!
Circa un mese fa abbiamo scoperto casualmente questa "donnina" vincitrice di ben 5 Grammys, grazie a una notizia scoop che la riguardava. Cercando poi su internet siamo rimasti folgorati dalla sua fantastica voce e abbiamo finito col comprare il suo "ultimo" CD, che ormai risale a due anni fa.
Devo dire a nostra discolpa che qui da noi la radio non prende e che in Giappone MTV e` una bestia rara.. resta il fatto che ci siamo sentiti veramente un tantino troppo indietro!