questo blog parla dell'altro giappone. non di tokyo ne` di kyoto, ma della vita in una piccola casetta sperduta in mezzo ai monti della campagna giapponese. vi faremo conoscere l'altra faccia del paese del sol levante!

27 dicembre 2008

Buone feste e felice 2009!
















La mattina di Natale arriva la vicina proprio mentre stavo dando il latte a Elisabetta. Non potendo muovermi ed essendo gli altri in giro per la casa abbiamo iniziato una conversazione attraverso la finestra chiusa. Ora il mio giapponese non e` che sia proprio cosi` brillante, figuriamoci attraverso vetri chiusi! Ecco un riassunto di cio` che ci siamo dette:


Vicina: Non e` che vorreste dei "cachi"? Me li ha appena mandati un'amica da (non so che rinomata localita`).

Io: Ma, grazie, volentieri! Scusi il disturbo!

Vicina: Li volete cosi` oppure pelati?

Io: Ma no no, non si disturbi!

Vicina: No perche`, se volete, li faccio pelare da mio figlio quando torna a casa...

Io: Ma no, si figuri, andranno benissimo cosi` come sono, grazie!

Vicina: Allora ve li porto tra un po'!

E io giu` a pensare a questi giapponesi fin troppo gentili: non mi sembrava il caso di farsi pelare una montagna di cachi arancioni e duri, cosi` come si mangiano qua, dal figlio 50enne, che si sveglia alle 4 di mattina per andare a lavorare... Avra` ben altro da fare la sera quando torna che pelare i nostri cachi - senza contare che possiamo benissimo pelarceli da soli...

Dopo un quarto d'ora torna la vicina e la sento parlare con Tomo in giardino. Torna mio marito in casa e appoggia sul tavolo un sacchetto pieno di... ostriche (in giapponese "cachi", ma con un accento leggermente diverso dai "cachi" frutta)!!!!

E stasera a cena mia suocera a imprecare cercando un sistema per "pelare" 'ste ostriche corazzate senza rimetterci la mano!

10 commenti:

Fabiana - 羽美明奈 ha detto...

Carissima Elena, seguo costantemente il tuo bellissimo blog e rimango sempre teneramente colpita dalle tue vicende.
Non fartene un cruccio per quello che è successo, anche i giapponesi hanno i loro problemi con le "elle" e le "erre" quando si avventurano in lingue occidentali, no?
Un sincero augurio di Buone Feste a te e a tutti i tuoi cari.
よいお年を

sandriz ha detto...

elena te son unicaaaaaaaaa!!!!un grandissimo abbraccio!!!!

kernele ha detto...

Elena, i tuoi post sono sempre uno spasso! Ti giuro che per 5 minuti mi fanno scordare la tristezza.
Auguri per la pupa ;)

Nadja ha detto...

Elena sei uno spasso. Alla sera quando vengo a visitare il tuo blog sono sempre sicura di avere un momento di serena allegria.

Un abbraccio a voi, un bacino a Elisabetta

Nadia

ape*strana ha detto...

Ciao Elena, quindi nel dubbio meglio dire sempre di si, ti pare?
Mi immagino la faccia di tua suocera, che spasso.
Auguri sinceri per il 2009.
Silvia

tracina ha detto...

è un piacere rileggerti^_^
felice 2009!!!

Paocin ha detto...

Tanti auguri a tutti voi!
Proprio l'altro giorno, durante una nabe-serata con amiche giapponesi, abbiamo scoperto che una conosce Monica, (che era venuta pure a farti visita), così alla fine l'abbiamo chiamata e tra l'altro aggiornata sul tuo ultimo aneddoto sui cachi-ostriche. Auguroni!!!
Paocin & Manacin

paola ha detto...

Ciao, mi chiamo Paola e perdendomi fra vari blog sul Giappone ho ritrovato il tuo. Davvero complimenti per la tua bambina! che bello e che scelta coraggiosa!
Anche io mi sono sposata con un giapponese in Giappone, dove abbiamo vissito per tre anni, ma da qualche mese siamo tornati a vivere in italia. Leggendo i tuoi post mi viene una nostalgia tremenda!! Ti ammiro veramente perche` a differenza tua io ho studiato il giapponese e la sua cultura all`universita`, ma non so se sarei riuscita a vivere in Giappone senza conoscere la lingua!
Cmq tanti tanti auguri di buon anno a te a tuo marito e alla tua piccola.
Se ti va di fare un giro sui miei vecchi blog:
http://harujidai.blogspot.com/
Ps. Ne approfitto per salutare anche Paocin, che non conosco ma con il quale condivido lo stesso soprannome :)

Paola ha detto...

Credo che gli orsetti vestiti da sposi siano a questo punto una tradizione :)
Ma di preciso dove abitate, ho cercato di rileggere il tuo blog a ritroso, ma ci vuole tempo. Io e K abbiamo vissuto 3 anni a Osaka. Ho letto che ci siete stati, hai visto che casino di citta`? non si puo` dire che sia bella, ma mi sono trovata benissimo, gli osakesi sono davvero aperti e nel nostro quartiere abbiamo fatto tante amicizie....ah che nostalgia!!!
Paola

elena+tomo ha detto...

Ciao a tutti e grazie per aver letto il blog con il solito affetto!
Un abbraccio ai nostri amici vicini e lontani: a voi e alle vostre famiglie auguriamo buon Anno!

Per Paochin 男: il mondo e` veramente piccolo!!! Venite a trovarci una volta tu e Manacin!!

Per Paochin 女: ho dato un'occhiata al tuo blog e mi ha fatto ridere vedere gli orsetti fatti a mano per il vostro matrimonio: anche mia suocera ne ha fatti di simili per il nostro! Ahahahaha! Teniamoci in contatto!

A presto!
elena+tomo+elisabetta